Battiti insieme con le donne
Le Furie Rosse, squadra femminile del Rugby Colorno, scendono in campo per combattere la violenza contro le donne e trovano la complicità delle atlete dei Club della serie A. Risultato finale: un video per denunciare la violenza sulle donne e che vuole diventare un inno all’uguaglianza di genere, alla parità dei diritti, alla vita.
Sharon Sapia, Victoria, Roberta, Tiziana, Teodora, Sonia, Ilenia, Piera, Luljeta, Lidia, Clara, Deborah, Rossella, Edith, Ornella, Dorina, Elena, Tina, Annamaria, Saman, Silvia, Emma Elsie Michelle, Ylenia, Angela, Tunde, Maria Carmina, Perera, Bruna, Alessandra, Sharon, Silvia, Chiara, Ginetta, Vincenza, Lorenza, Marylin, Silvia, Shegushe, Catherine, Stefania, Vanessa, Chiara, Ada, Angelica, Rita, Giuseppina, Sonia, Alessandra, Dorjana, Anna, Carmen, Giuseppa Loredana, Cristine, Elena, Elisa e Simonetta sono le vittime di violenza dal 1 gennaio al 7 novembre, in Italia.
Hanno perso la vita perché hanno dato fiducia all’uomo che amavano.
Ma perché nel 2021 si può morire ancora di violenza? Perché una donna oggi deve vivere in una posizione di minoranza o di sottomissione, accettare battute scomode in silenzio per non provocare reazioni violente? Perché dopo anni di storia, in una società scolarizzata, una donna deve essere vittima di violenza?
E’ questa la denuncia delle atlete del rugby che vuole andare oltre: manifestare supporto ed empowerment a tutte le donne che in silenzio stanno soffrendo e a tutte coloro che,sempre in silenzio, stanno uscendo dalla violenza subita. Sentimenti che nascono spontanei dal movimento femminile del Rugby Colorno (PR) e abbracciato dai Club della Serie A: CUS Torino, Red Panthers Treviso, Valsugana Rugby Padova Villorba Rugby Girl che lo scorso 3 Ottobre sono scese in campo per dimostrare che quando credi in te stessa e nella tua bellezza interiore, puoi batterti per difendere sogni, diritti e libertà di scelta. E la nostra società ha un bisogno infinito di credere in questi valori.
Lo sport, quando è vissuto con passione e dedizione, diventa guida soprattutto fuori dal campo. Le atlete del rugby italiano, dagli impianti della Cittadella del Rugby Parma, hanno dimostrato che la squadra, il sostegno, la fiducia, il sapersi rialzare anche quando tutto sembra finito, aiutano a fortificarti fuori dal campo.
Un video per raccontare, nella giornata internazionale contro la violenza alle donne, il rugby femminile, la determinazione che una competizione sportiva di alto livello atletico richiede e la storia che le nostre rugbiste, partita dopo partita, hanno saputo scrivere aggiudicandosi un posto nel mondo.
Le Furie Rosse, insieme a tutta la Società Rugby Colorno, rivolgono questo messaggio anche ai genitori affinché possano affidare i loro figli allo sport, per imparare, fin da bambini, a riconoscere il valore del prossimo, a sconfiggere le disuguaglianze, anche di genere, e a godere dei privilegi dell’agonismo senza scendere a compromessi con la violenza perché la sconfitta deve essere accettata: il rugby insegna che deve esserci il
terzo tempo, quel momento utile, anche nella vita, per riconoscere il valore del vincitore e guardarsi dentro, ammettere i propri errori per migliorarsi.
“La squadra del Valsugana si è aggiudicata meritatamente questo primo trofeo, ma in realtà, abbiamo vinto tutti” con queste parole Ivano Iemmi, Presidente Rugby Colorno F.C., mette il punto esclamativo a una giornata di sport e amicizia, un evento patrocinato dalla F.I.R. a cui ha partecipato l’ex azzurra Francesca Gallina, Consigliera Federale,
Una T-Shit rossa Battiti, a sostegno con le donne, realizzata dal Rugby Colorno a supporto di “Piccoli Ospiti” di Fondazione Pangea per dare un futuro ai bambini che hanno assistito o peggio vissuto la violenza. La T-Shirt può essere acquistata anche on line sul sito www.rugbycolorno.com
Un ringraziamento a chi, con la propria presenza, ha dato voce al progetto: Maxime Mbanda, Flunker delle Zebre e della Nazionale, Giulia Ghiretti, argento nei 100m rana alle paraolimpiadi di Tokyo 2020 e Maschi Che Si Immischiano che si impegnano a difendere i diritti delle donne.

Guarda il video